Introduzione

Benvenuti a Bormio! Da qui potete raggiungere direttamente il Bernina Express, dove vi aspetta un viaggio spettacolare e rilassante tra le montagne.
Il Bernina Express percorre una famosa tratta ferroviaria che collega Coira in Svizzera a Tirano in Italia.

Il treno attraversa il paesaggio montano delle Alpi, compreso il Passo del Bernina. Con un’altitudine di circa 2.328 metri sul livello del mare, questo è uno dei passi montani più alti con un collegamento stradale continuo.

Il Bernina Express offre quindi un’esperienza unica che unisce paesaggi pittoreschi a una tecnologia impressionante.
I panorami mozzafiato valgono da soli la pena di viaggiare sul Bernina Express almeno una volta nella vita.

Percorso da Bormio

Da Bormio, ci sono due diversi punti di partenza ben posizionati per il Bernina Express che si possono raggiungere facilmente:
1. Tirano: Questa città dista circa mezz’ora da Bormio ed è facilmente raggiungibile in auto o in autobus. Tirano è il punto di partenza più frequente o di arrivo del percorso ed è quindi perfetto. Qui troverete molti parcheggio gratuiti direttamente presso la stazione ferroviaria

2. Moritz: questa importante tappa del Bernina Express si trova in Svizzera e può essere raggiunta in auto o con una combinazione di autobus e treno.

Ci vuole un po’ più di tempo, ma poi si ha la possibilità di godersi il viaggio in treno da St. Moritz a Tirano.

Il percorso del Bernina Express

1. Punto di partenza Tirano: Il viaggio inizia a Tirano, una piccola città italiana nota per il suo bellissimo centro storico e per la Basilica Madonna di Tirano, un edificio religioso.

2. Viadotto circolare di Brusio: Poco dopo, il treno attraversa il famoso Viadotto Circolare di Brusio. Si tratta di una struttura a spirale progettata per superare il dislivello in modo semplice e veloce.

3. Salita al Passo del Bernina: Il percorso prosegue verso nord e sale costantemente, superando con facilità uno dei punti più alti di una linea ferroviaria in Europa.

4. Alp Grüm: La prossima tappa degna di nota è Alp Grüm. Questa stazione offre una vista mozzafiato sulla Valle di Poschiavo e sul Ghiacciaio del Palù, ed è il luogo ideale per scattare foto del paesaggio circostante. Nei dintorni si trovano anche ottimi sentieri per esplorare la natura a piedi.

5. Lago Bianco e Ospizio Bernina: L’espresso prosegue fino al bacino naturale del Lago Bianco, circondato da uno scenario mozzafiato. La particolarità di questo lago è il cambiamento di colore dell’acqua, che dipende dalla stagione e dal tempo. Segue il punto più alto del viaggio, l’Ospizio Bernina, da cui si gode di una splendida vista.

6. Discesa in Engadina: per ammirare i meravigliosi panorami di paesaggi alpini incontaminati sulla strada verso l’Engadina, il percorso ora scende.

7. Pontresina e Samedan: il treno si ferma ora in due caratteristiche cittadine dell’Engadina: Pontresina e Samedan. Pontresina è nota per i suoi sentieri escursionistici e per l’architettura particolarmente bella delle sue case. Samedan, invece, ha un affascinante centro storico.

8. Moritz: poco prima del traguardo, si visita la famosa cittadina di St. Moritz. Qui gli sport invernali e il lusso sono molto popolari. La città ha anche terme e uno sfondo storico, il che significa che questo luogo ha anche un grande centro storico.
9. Coira: Infine, il viaggio si conclude a Coira, in Svizzera. Questa antica città vi conquisterà con il suo pittoresco centro storico. Si consiglia inoltre di provare uno dei numerosi ristoranti.

Per l’intero viaggio da Tirano a Coira, che offre splendidi e variegati panorami del paesaggio alpino, montagne, foreste, ghiacciai e città tradizionali, è necessario prevedere circa 4:30 ore.

Il Bernina Express va normalmente da Coira, in Svizzera, a Tirano, in Italia, ma spesso è possibile viaggiare anche da St. È anche possibile scegliere di percorrere una parte del tragitto, il che significa che si percorre solo la parte desiderata anziché l’intero percorso.

Biglietti

I biglietti possono essere prenotati facilmente su diversi siti web. Ad esempio, è possibile acquistare i biglietti direttamente sul sito web della Ferrovia retica.
https://www.treninorosso.it/it
https://tickets.rhb.ch/it/

I prezzi variano a seconda della tratta e della classe di viaggio. Possono essere disponibili sconti per bambini e anziani e tariffe per gruppi.
Si consiglia di acquistare i biglietti per tempo, poiché i biglietti si esauriscono rapidamente, soprattutto in alta stagione.

Stagioni

Il Bernina Express offre un’esperienza unica in qualsiasi periodo dell’anno.
In inverno si può ammirare il paesaggio montano innevato, mentre in estate la natura si ricopre di flora alpina e si possono vedere le montagne in piena fioritura. In primavera il viaggio è caratterizzato da un paesaggio in fiore e da occasionali nevicate, mentre in autunno il viaggio è qualcosa di molto speciale, poiché la natura assume toni rossastri e marroni.
Ciò significa che, sia che si parta in primavera, in estate, in autunno o in inverno, si vivranno sempre esperienze diverse, ma tutte accomunate dalla bellezza e dall’unicità del paesaggio alpino.

Carrozze panoramiche

Carrozze panoramiche del Bernina Express

La particolarità di queste carrozze è l’ampia vetrata anteriore, che offre ai viaggiatori una vista spettacolare. Le carrozze sono inoltre dotate di attrezzature moderne e aria condizionata.
Sono disponibili carrozze di prima e seconda classe:
Prima classe: I passeggeri beneficiano di una grande quantità di spazio e di un ampio spazio per le gambe nei sedili singoli e doppi. Inoltre, grazie al numero ridotto di passeggeri per carrozza, potrete godervi il viaggio in tutta tranquillità.
2a classe: Sono disponibili sedili doppi con ampio spazio per le gambe.

 

Carrozze panoramiche aperte (in estate)

La caratteristica unica di questo tipo di carrozza è l’assenza di finestrini.

Ciò significa che ci si trova in mezzo alla natura e si può anche godere della brezza fresca.

Queste carrozze sono perfette anche per scattare foto della natura.

Attenzione
A volte tra le carrozze panoramiche dell’Express ci sono anche carrozze classiche. Tuttavia, le carrozze variano di volta in volta, per cui non è garantita la presenza di carrozze panoramiche aperte, ad esempio.

La tecnologia

Anche la tecnica del Bernina Express è ammirevole, in quanto il treno riesce a superare grandi dislivelli senza l’utilizzo della tecnologia delle ruote dentate. Il Bernina Express è in grado di percorrere pendenze fino al 7%, molto elevate per una linea ferroviaria.
Inoltre, i treni e i binari sono stati costruiti in modo tale che anche le condizioni meteorologiche più avverse, come le forti nevicate, non rappresentano un problema.
Tuttavia, la ferrovia è rispettosa dell’ambiente, in modo da proteggere il paesaggio alpino, particolarmente sensibile.

 

Storia e significato

La linea ferroviaria su cui corre l’attuale Bernina Express è stata costruita all’inizio del XX secolo. Inizialmente doveva servire come linea ferroviaria separata, ma fu rilevata dalla Ferrovia Retica (RhB).

Questa ferrovia ha svolto un ruolo importante anche durante la Seconda guerra mondiale, essendo una delle uniche tratte che all’epoca consentiva il collegamento tra la Svizzera e l’Italia senza attraversare paesi nemici.

La ferrovia, inizialmente costruita per il trasporto di merci e passeggeri, si è sempre più trasformata in un’attrazione turistica, offrendo ai turisti una vista sulle bellezze naturali delle Alpi.

Il Bernina Express è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO insieme alla Ferrovia dell’Albula nel 2008 per le sue eccezionali capacità ingegneristiche e la sua importanza per lo sviluppo della ferrovia in un difficile terreno montuoso.

Conclusione
Preparatevi a un viaggio indimenticabile che offre molto di più di un normale viaggio in treno. Partite da Bormio direttamente sul Bernina Express e vivete da vicino il paesaggio alpino e le varie attrazioni lungo il percorso: Dalle cime innevate al viadotto circolare di Brusio. Buon viaggio!

 

Non è abbastanza? Scopri i nostro suggerimenti per esplorare la nostra “Magnifica Terra” da qui: Blog Miramonti Bormio